//
you're reading...
Urlando di notte (poesie)

Ode alla signora F. …per non dimenticare…

La signora F. c’è sempre stata…

Terezin

Lei, la sua vestaglia rossa… di ciniglia…

i suoi canarini, la poltrona di velluto verde

ed il signor F…

senza due dita ma con un paio di baffi.

La signora F. lasciava sempre la porta aperta…

La mattina cantava a squarciagola,

nel pomeriggio ricamava

e la sera si perdeva nei suoi ricordi…

La signora F. aveva un tavolino tondo,

coperto da un’impalpabile trina…

e sopra una foto di tre bambini

in una cornice d’argento.

“Chi sono?” chiedevano i miei cinque anni

“Sono i miei figli”… un singhiozzo e

“Mangia un cioccolatino”…

“Dove sono? Voglio giocare con loro!”…

“Sono lontani”

bofonchiavano i baffi del signor F. dalla poltrona verde…

“Non è possibile” tremava il petto della signora F.

ed io scomparivo nel suo abbraccio

e m’inumidivo dalle sue lacrime…

La signora F. aveva uno strano tatuaggio sul braccio…

“Cos’è questo che sembra un cigno?”

“è un due”

No, è proprio un cigno, sentenziavo…

La signora F. aveva anche una chiocciola 6

ed una lumaca 9 accanto al sederino 3…

Ed il signor F. aveva anche una pista per le macchinine 8…

Lui solo,

le femmine non giocano con le macchinine, vero?

Il signor F. aveva anche la frusta 1…

Le piccole dita innocenti dei miei cinque anni

scorrevano su quei segni…

Allora la signora F. accendeva la radio

e mi portava davanti alla gabbia dei canarini:

“Tra poco canteranno, vedrai”…

La sera comunicavo le mie scoperte in casa…

Ah, sospirava la nonna e, rumorosa, si soffiava il naso…

Ah… che tragedia… che crudeltà… che pena…

Ah, Oświęcim… Auschwitz… le camere a gas…

Frammenti di parole, mescolate ad altre… incomprensibili.

Ah, ah…

La signora F. festeggiava Pesach

e non lavava i piatti sabato e domenica…

Una volta all’anno la signora F. si vestiva tutta di bianco…

Anche il signor F. sfoggiava camicia e pantaloni bianchi…

Quel giorno non si sentiva il profumo di cibo in casa loro…

“Ah, è lo Yom Kippur” bisbigliava la nonna

“Il giorno dell’espiazione”…

“Ma cos’avranno mai da espiare, quei poveretti?”

La crocchia della nonna era in disaccordo…

“Oggi niente dolcetti, piccola… digiunano!”

Un giorno la porta della signora F. rimase chiusa…

Ah, ah… il signor F. sta male…

Ah, ah… avete sentito l’ambulanza,

Stanotte alle quattro…

Ah, ah… poveretto…

è già un miracolo se è vissuto tutti questi anni…

Ah, ah… con la milza spappolata

Ah, ah… con un rene solo

Ah, ah… anche l’enfisema per colpa dei nazisti…

Ah, ah…povero Franz…

La signora F. smise di cantare…

“Dov’è il signor F.?”

“Ah, è andato dai nostri bambini…”

Ah, ah…

“Ma quando torna?”

“Non torna… sarò io quella che andrà da lui…”

Ah, ah…

La signora F. smise di lavare i piatti,

smise di vestirsi e di pettinarsi…

Accatastava i piatti nel lavello,

uno sopra l’altro…

uno sopra l’altro…

in una piramide assurda e puzzolente…

in barba alle leggi di gravità…

fintanto che la cima non cadde a terra…

Ah, ah… arrivò la nonna con grembiule,

vecchi giornali ed un piatto di ciambelle…

Ah, ah… faccia un tè… nel mentre io riordino…

La signora F. uscì di casa sventolando una busta…

Sorrideva

Sorrideva…

Una lettera di Franz… gridava

E ci sono i disegni dei miei bambini!

Ah, ah… pianse la nonna

Ah, ah… è impazzita, poveretta…

Ah, ah… signora mia, si scrive le lettere da sola!

La signora F. mostrava i disegni dei suoi bambini

a tutto il vicinato…

Questa nave l’ha disegnata Jacob… quant’è bravo…

un vero genio… vuole fare il marinaio…

E questo, vedete che tocco lieve…

questo cielo è opera di Miriam… lei suona il piano,

sapete… ha proprio un talento unico… farà la concertista…

e questo scarabocchio è del piccolo di casa, Yosef…

un amore di pupetto…

Ah, ah… non va più al cimitero…

Ah, ah… certo, c’è solo Franz in quella tomba…

i corpi dei bambini non sono mai stati trovati…

Ah, ah… come aiutarla…

Ah, ah…

La signora F. mi regalò un orso di pezza…

senza un occhio e tutto ricucito…

Ah, ah… che ti ha dato?

Un balocco di Miriam…

Ah, ah…un sacro ricordo di sua figlia…

Salvato

da quel che rimase della loro casa

insieme con pochi altri ricordi…

Tutto distrutto

Tutto distrutto…

Ah, ah… speriamo bene…

La porta della signora F. non si apre…

Da un’ora la nonna bussa sull’uscio…

Concitato vociferare delle comari,

misto allo schiocco delle tante nocche…

sul duro legno della porta…

Ah, ah… aprite la porta!

Calci, pugni, botte…

Un improvvisato piede di porco

ha la meglio…

finalmente…

Ah, ah… poveretta!

Vicino al soffitto…

In alto, alto…

vola la signora F.

Una grossa farfalla

di bianco vestita…

Felice…

Irraggiungibile…

Sorridente…

Stona solo

quella corda al collo…

Ah, ah…

Shalom.

Copyright© Vera Somerova VerSo

– inedita

Annunci

Discussione

5 pensieri su “Ode alla signora F. …per non dimenticare…

  1. In molte parti del mondo c’è una signora F e “l’uomo di ferro” rimane sordo al suo pianto…

    Pubblicato da tizianatius | 27 gennaio 2014, 17:32
  2. complimenti per ciò che scrivi…..Sara

    Pubblicato da melodiestonate | 7 aprile 2014, 12:39
  3. ben tornata allora…….Sara

    Pubblicato da melodiestonate | 6 maggio 2014, 16:52

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

VerSo

Poesie? Ne ho scritte tante… ora mi aspetto che qualcuna di loro scriva me…
gennaio: 2014
L M M G V S D
« Lug   Mag »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 60.070 follower

COPYRIGHT © Legge sul diritto d’autore (Legge n.633/1941) Ogni opera a mio nome -scritta o dipinta- contenuta nel presente blog è originale e personale di mia esclusiva produzione, pertanto coperta da copyright e tutelata ai sensi delle normative in materia (Legge 22 aprile 1941 n.633 e Decreto Legislativo 9 aprile 2003 n. 68) Alcune immagini pubblicate in questo blog sono state reperite nel Web in quanto considerate di pubblico dominio e/o liberamente scaricabili previa segnalazione della provenienza. Il copyright è degli aventi diritto. Qualora si ritenga che uno o più files qui presenti ledano i diritti di copyright, si prega di avvisare. Si ricorda che qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione dell’autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della Legge 22 aprile 1941 n. 633.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: