//
Biografia
Vera Somerova VerSo nasce a Brno (attuale Repubblica Ceca).
A diciotto anni vince un importante premio letterario per la raccolta di poesie intitolata “Il Tulipano”. Dopo gli studi classici s’iscrive a medicina che abbandona per convolare a nozze con un italiano. Seguono il trasferimento a Milano, la nascita di tre figli, la laurea in giurisprudenza ed il divorzio. Riprende a scrivere e si dedica alla pittura esponendo, con successo, in varie mostre collettive. Nel 2001 si trasferisce all’estero, in primis in Principato di Monaco, poi in Francia, dove ad oggi risiede e lavora col suo compagno, gestendo un ufficio d’architettura.
Pittrice, scrittrice, poetessa, si considera cittadina del mondo. Donna colta, sensibile e raffinata, estremamente libera intellettualmente ed ideologicamente, amante di ogni forma d’arte, si accosta alla scrittura sin da bambina. Assidua frequentatrice di librerie, biblioteche e centri culturali, nel suo percorso formativo incontra molti personaggi celebri, disposti a darle consigli ed incoraggiamenti.
Scrivi come parli e descrivi solo quello che senti” le dice Jaroslav Seifert, premio Nobel 1984 per la letteratura.
Incontro con Miroslav Holub, immunologo di fama internazionale, scrittore e poeta, influenza la giovane Vera anche per la scelta di studi universitari.
Riflessivo e complicato poeta Oldřich Mikulášek le parla di passionalità, vita, morte e contrasti che l’uomo deve affrontare… “Non è il desiderio o la voglia che ti faranno scrivere…è l’esigenza di tutto il tuo essere… si scrive perché si deve, non se ne può fare a meno…”
E lei scrive, prima in ceco, poi in italiano… perché non ne può fare a meno. Si dedica alla prosa come alla poesia; i suoi versi sgorgano liberi o legati in schemi, con la preferenza per la rima baciata ed alternata, e senza disdegnare altre tipologie.
Il linguaggio è cristallino, equilibrato, scevro da sdilinquimenti sentimentali e sdolcinati e, tuttavia, estremamente ricco e lirico. Acuta osservatrice del suo tempo, l’autrice passa con estrema facilità da temi amorosi ed introspettivi a quelli sociali, combinando “la carne” con “lo spirito” in un insieme dove si unisce l’eternità all’intimità. Molte delle sue poesie sono caratterizzate da sapiente uso d’ironia e gocce di sarcasmo. Dotata di una strabiliante fantasia e di un’energia verbale notevole, è una critica spietata dei costumi contemporanei.
Nel 2008 pubblica “Lo sperone del gallo”, la sua prima opera in versi, in italiano, con la casa editrice “Il Filo Albatros”.
Nel 2010 partecipa a due antologie, “Collana di perle 2” ed “Il profumo del loto” nel quale cura anche la prefazione, pubblicate da Edit Santoro.
Nel 2011 è co-curatrice ed autrice della prefazione dell’antologia “La collana di perle 3 Rubino”
Presente sul web in molti siti dedicati alla poesia, sul facebook gestisce la pagina “La poesia salverà il mondo”, dove pubblica anche i suoi componimenti.

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

VerSo

Poesie? Ne ho scritte tante… ora mi aspetto che qualcuna di loro scriva me…
giugno: 2017
L M M G V S D
« Mag    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 60.070 follower

COPYRIGHT © Legge sul diritto d’autore (Legge n.633/1941) Ogni opera a mio nome -scritta o dipinta- contenuta nel presente blog è originale e personale di mia esclusiva produzione, pertanto coperta da copyright e tutelata ai sensi delle normative in materia (Legge 22 aprile 1941 n.633 e Decreto Legislativo 9 aprile 2003 n. 68) Alcune immagini pubblicate in questo blog sono state reperite nel Web in quanto considerate di pubblico dominio e/o liberamente scaricabili previa segnalazione della provenienza. Il copyright è degli aventi diritto. Qualora si ritenga che uno o più files qui presenti ledano i diritti di copyright, si prega di avvisare. Si ricorda che qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione dell’autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della Legge 22 aprile 1941 n. 633.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: